Sostegno alla Coppia

tandem.coppiaDal momento della sua formazione ogni coppia si trova a dover affrontare una serie di compiti, ognuno dei quali richiede specifiche competenze.

Considero la coppia come un organismo in continua evoluzione, soggetta a continui cambiamenti che possono coinvolgere diversi aspetti: individuali, interpersonali, familiari o sociali.

Tra le fasi che ogni coppia deve affontare nel suo processo di individuazione

  • C’è l’emozione della convivenza,
  • C’è la scelta del matrimonio,
  • C’è la nascita di un figlio.

Ognuna di queste fasi comporta una riorganizzazione degli equilibri fino ad quel momento stabiliti.

Già la formazione della coppia comporta una riorganizzazione delle relazioni individuali e interpersonali, sia con i propri genitori, che con i propri amici.

Per potersi formare la coppia necessita di un periodo di isolamento dal resto del mondo, un periodo di fusionalità che permetterà ai due soggetti di conoscersi e decidere il proprio percorso.

In questa prima fase la sessualità giuoca un ruolo molto importante, facilitando il senso di fusionalità che viene vissuto.

Si passa poi ad un rapporto più maturo che permette di vedere oltre l’aspetto idealizzato e propone una visione più realistica di se e dell’altro.

Superata questa fase, e consolidato il rapporto la coppia può decidere di sigillare questo patto con il matrimonio o anche con la convivenza, e ciò comporta tutta una serie di processi di adattamento sia nella nuova vita in comune, sia nella modulazione dei rapporti con le proprie famiglie di origine.

Processi di adattamento che si ripresentano sotto nuove forme quando alla coppia si aggiunge il primo figlio. La nascita del bambino ha effetti considerevoli sulla relazione coniugale, sia positivi che negativi, permettendo di consolidare il legame così come di metterlo in crisi.

E’ evidente che nel processo di formazione, consolidamento e crescita della coppia si possono incontrare numerosi ostacoli che possono impedire e mettere in crisi i due coniugi, ed una semplice richiesta di intervento può permettere di risolvere la situazione di blocco.

Condividi 😉Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone